Come preparare la corsa dei 100 metri masters

di Paolo Pennacchietti difficoltà: facile

Come preparare la corsa dei 100 metri masters Una delle discipline più gettonate fra gli appassionati di corse amatoriali, rimane senz'altro la pratica dei 100 metri piani, una corsa veloce per eccellenza, che richiede doti di scatto, forza e concentrazione. La categoria "master" è una suddivisione, quindi, dell'atletica leggera stabilita secondo l'età dalla "World Master Atlethics". Questa comprende tutti gli atleti dai trentacinque anni in su, divisi in categorie, i quali gareggiano su pista, su strada e nella corsa. Correre oltre la soglia dei 50 anni, pone purtroppo qualche difficoltà, in particolare per non incorrere in problemi muscolari e articolari è necessario preparare il proprio fisico alla suddetta corsa dei 100 metri masters.

Assicurati di avere a portata di mano: Una scarpa tecnica idonea per correre i 100 metri Un trainer o un amico disponibile a seguirci Certificato medico di idoneità alla pratica sportiva

1 Il primo passo da fare è di tipo assolutamente organizzativo. L'utente dovrà assicurarsi l'appoggio di un trainer o di un amico, in grado di seguirlo negli allenamenti, almeno tre volte a settimana, per un periodo di tempo pari a 45 giorni precedenti all'evento, fino al termine gara. Il suo compito, sarà quello sia di rilevare i tempi e annotarli, che di occuparsi del supporto atletico durante gli stancanti allenamenti.

2 Lo sportivo dovrà recarsi presso il campo di atletica preferito e, dedicare sempre e comunque almeno 20 minuti alla pratica del riscaldamento. Successivamente dovrà praticare dieci minuti di corsa lenta e 10 di ginnastica in allungamento a terra. A 45 giorni dalla gara, e per almeno 15 giorni di seguito, con tre allenamenti settimanali, sarà necessario affrontare un periodo definito di aumento della forza. Risulterà fondamentale fare almeno 50 prove di partenza ai blocchi ad ogni step, curando in maniera ottimale la tecnica.

Continua la lettura

3 Dal giorno 30 al giorno 10 dalla gara, l'utente dovrà passare dall'esecuzione dello scatto ripetuto sui 30 metri, a quello sulla distanza progressiva di 60 e, infine, sui 100 metri completi.  Il numero di ripetute deve essere elevato, almeno 30, 40 a sessione, perché essendo un atleta masters, non potrà di certo affrontare anche un lavoro completo in palestra, ma solo in pista per rendere istintiva la partenza, la corsa e la propria performance.

4 È raccomandabile, inoltre, a questi atleti di prestare la massima attenzione a queste accortezze: curare la postura, correre preferibilmente sull'erba, se si va in palestra non bisogna eccedere con i pesi, non occorre ricercare mai maniacalmente la massima prestazione durante un allenamento e riscaldarsi per bene curando il recupero e il rilassamento muscolare.

Non dimenticare mai: Poni sempre attenzione al riscaldamento muscolare e cerca di recuperare nei fine settimana con un riposo completo

Come partecipare alla transcivetta Come riscaldarsi per una gara di 100m Le regole fondamentali di atletica leggera Come eseguire la corsa a staffetta

Stampa la guida Segnala inappropriato
Devi inserire una descrizione del problema

Altri articoli